Permesso di soggiorno

La legge italiana sull'immigrazione prevede che i cittadini non appartenenti all'Unione Europea che intendono soggiornare in Italia per più di tre mesi, devono richiedere il permesso di soggiorno, entro 8 giorni dal loro ingresso in Italia.

Gli interessati devono presentare la domanda di rilascio del permesso di soggiorno presso qualsiasi ufficio postale in cui sia presente lo “Sportello Amico”.

Per ritirare il kit per la sottoscrizione della domanda ed avere assistenza nella compilazione della domanda devi rivolgerti allo sportello 12 del Servizio Internazionalizzazione, dove sono presenti dei mediatori culturali che ti assisteranno. Il servizio è gratuito. 

Innanzitutto è necessario procurarsi i seguenti documenti (le fotocopie devono essere in formato A4):

1. 2 fotocopie della pagina del passaporto con i dati personali e 2 fotocopie della pagina del visto; 

2. fotocopia del Codice Fiscale

3. fotocopia della lettera di invito del Politecnico di Torino in cui sia specificato il corso a cui si intende iscriversi, timbrata dalla rappresentanza Diplomatica/Consolare italiana all'atto del rilascio del visto di ingresso

4. autocertificazione di iscrizione al Politecnico di Torino: è possibile stamparla accedendo al Portale della Didattica

5. una marca da bollo da 16 euro (da acquistare in Tabaccheria)

6. fotocopia della documentazione attestante la disponibilità di adeguate risorse finanziarie per il periodo della durata del permesso di soggiorno; chi ha una borsa di studio, copia della lettera fornita dall'ente erogante la borsa con i dettagli sulla borsa di studio; in alternativa, una autocertificazione dei propri mezzi di sostentamento (è possibile ottenere presso gli sportelli n. 1-2, del Servizio Internazionalizzazione. un fac-simile da compilare)

7. Assicurazione medica

Durante il mese di settembre e 2 settimane nel mese di febbraio i mediatori sono disponibili ogni giorno dal lunedì al venerdì. Durante i restanti mesi dell’anno sono disponibili due volte alla settimana, il martedì e il venerdì, dalle 9.00 alle 11.30.

Per ulteriori informazioni puoi rivolgerti all' Ufficio Foreign Citizens.

Dopo aver compilato la domanda con l’assistenza fornita dai mediatori culturali, la dovrai consegnare personalmente presso un ufficio postale in cui sia presente lo “Sportello Amico”, entro massimo 2/3 giorni. Le spese postali per la pratica ammontano a € 30,00 più € 70,46 per il rilascio del permesso di soggiorno elettronico.
Al momento della presentazione della domanda allo sportello delle Poste Italiane, l'operatore delle Poste ti consegnerà la ricevuta della raccomandata che verrà inviata all' Ufficio Immigrazione. La ricevuta che viene rilasciata contiene USER ID e PASSWORD.

Devi sempre avere con te la ricevuta postale del permesso di soggiorno (o una copia di esso) e il passaporto finché non riceverai il permesso di soggiorno elettronico.

L’Ufficio Postale ti comunicherà anche la data della convocazione che avrai presso la Questura  - Ufficio Immigrazione per il fotosegnalamento (rilevazione delle impronte digitali) e l’eventuale integrazione di alcuni documenti (occorrerà portare 4 foto identiche formato passaporto e i documenti originali, le cui copie sono state inserite nel kit).

Il giorno del fotosegnalamento riceverai e dovrai firmare "l'accordo di integrazione": [...] Con la stipula dell'accordo lo straniero si impegna a raggiungere specifici obiettivi di integrazione da conseguire nel periodo di validità del permesso di soggiorno:

- acquisire un livello adeguato di conoscenza della lingua italiana;

- acquisire un livello adeguato di conoscenza e cultura civica;

- garantire l’adempimento dell’obbligo di istruzione dei figli minori.

Lo Stato si impegna a sostenere il processo di integrazione dello straniero. [...]

Entro un mese dalla firma dell’accordo, si viene convocati per partecipare ad una sessione di formazione civica e di informazione sulla vita in Italia.
La mancata partecipazione comporta la perdita di 15 dei 16 crediti assegnati alla stipula dell'Accordo.

(http://www1.interno.gov.it/mininterno/export/sites/default/it/sezioni/sala_stampa/speciali/accordo_integrazione/accordi_e_brochure.html)

LA PARTECIPAZIONE ALLA SESSIONE DI FORMAZIONE CIVICA E' OBBLIGATORIA.

E’ ALTRESI' OBBLIGATORIO PRESENTARSI AL FOTOSEGNALAMENTO NEL GIORNO E NELL'ORA INDICATI NEL FOGLIO DI CONVOCAZIONE FORNITO DALL'UFFICIO POSTALE.

Ti raccomandiamo di verificare lo status della tua pratica, 1 mese dopo il foto segnalamento, presso l'Unità Servizi ai Cittadini Stranieri, portando la ricevuta postale del permesso di soggiorno.
Dopo circa 1 o 2 mesi dal fotosegnalamento sarà possibile ritirare il permesso di soggiorno presso l’ Ufficio Immigrazione.

Potrai anche verificare lo status del tuo permesso di soggiorno utilizzando la USER ID e la PASSWORD (senza il trattino) visitando il sito www.portaleimmigrazione.it (nell’Area riservata stranieri dovrai inserire la tua password e user ID); un altro sito su cui puoi effettuare questa verifica è http://questure.poliziadistato.it/stranieri/?mime=1&lang=EN (dovrai inserire nello spazio bianco la tua password sempre senza il trattino).

E’ anche possibile avere assistenza gratuita nella compilazione della domanda di permesso di soggiorno presso i patronati presenti a Torino. La lista dei patronati è disponibile presso l'Ufficio Foreign CItizens.

Coloro che hanno doppia cittadinanza (Italiana o Europea / Extra europea) non devono richiedere il permesso di soggiorno.

Come uscire e rientrare in Italia dopo aver fatto richiesta del primo permesso di soggiorno

Coloro che sono in possesso della ricevuta della domanda per il primo rilascio del permesso di soggiorno, possono uscire dal territorio italiano e rientrare, solo se in possesso di un visto D a ingressi multipli in corso di validità,

ATTENZIONE: a partire dal 5 aprile 2010 il visto D ad ingressi multipli consente l’ingresso nell’Area Schengen per 90 giorni a semestre, durante il periodo di validità del visto.

In ogni caso, per viaggiare in Paesi che non appartengono all’area Schengen, si raccomanda di verificare con l’Ambasciata/Consolato del Paese in cui si vuole andare, se si necessita di un visto di ingresso, in accordo con la propria cittadinanza e il corrente domicilio.

Cittadini dell’Unione Europea

I cittadini dell’Unione Europea possono soggiornare nel nostro Paese fino a tre mesi senza alcuna condizione o formalità, salvo il possesso di un documento d’identità valido per l’espatrio rilasciato dal proprio Paese. Trascorsi tre mesi dall'ingresso, è necessario iscriversi all'Anagrafe del comune di residenza. Per l’iscrizione all’Anagrafe è necessario presentare i seguenti documenti: autocertificazione di iscrizione al Politecnico di Torino, copertura sanitaria e documentazione attestante la disponibilità economica.

© Politecnico di Torino - Credits