Mercato Privato

Non è possibile affittare un appartamento privato (una sistemazione non gestita dal Politecnico) prima dell’arrivo a Torino. Il Politecnico di Torino, infatti, non può prendere accordi a nome degli studenti con il proprietario di una casa. Puoi avere maggiori informazioni a riguardo contattando l’Ufficio Foreign Citizens.

Per gli studenti che trascorreranno un percorso di studi presso l’Ateneo è consigliato prenotare per un breve periodo (10/15 giorni) presso un hotel/B&B, nel frattempo potranno cercare una sistemazione definitiva in appartamento privato (molto più conveniente).

Si possono trovare annunci d’affitto nelle bacheche che si trovano nei corridoi del Politecnico.

La maggior parte dei proprietari stipula con gli studenti non-residenti questo tipo di contratto breve: "Contratto di locazione ad uso transitorio per soddisfare le esigenze abitative degli studenti universitari fuori sede".Ti suggeriamo di non affittare un appartamento ammobiliato senza averlo visto personalmente e senza aver discusso delle condizioni d’affitto con il proprietario. Per legge il proprietario deve fornire allo studente un contratto di affitto che contenga informazioni riguardanti la durata dell’affitto, il costo e le modalità di pagamento. Leggi attentamente il contratto per essere sicuro di averne compreso tutte le clausole.

Il periodo minimo d’affitto è di 6 mesi, ma spesso il proprietario richiede un periodo di permanenza dai 10 ai 12 mesi. Se sul contratto non è specificato che l’affitto durerà per 3/6 mesi, significa che sarà da pagare per l’intero anno. NB: quando si affitta un appartamento condiviso con altri studenti si parla solitamente di “locazione congiunta”. Pertanto, ai fini del contratto, tutti gli abitanti della casa sono responsabili per l’intero affitto o per i danni arrecati all’alloggio. Questo significa che, se qualcuno lascia anticipatamente l’appartamento, deve continuare a pagare l’affitto, fin quando il suo nome non venga sostituito nel contratto. Se questa persona non paga l’affitto, gli altri residenti devono comunque pagare l’intera cifra specificata sul contratto.

Solitamente gli appartamenti ammobiliati sono dotati di cucina, frigorifero e mobili. Non sono inclusi lenzuola e asciugamani, mentre ci sono sempre materassi, cuscini e copriletto.

Il contratto d’affitto solitamente prevede:

  • Un deposito pari a 1/2 mesi d’affitto (rimborsabile al termine del contratto, con eventuali deduzioni per danneggiamenti e spese extra).
  • Il pagamento di un mese d’affitto in anticipo.

I costi variano in base alla zona della città e alle condizioni dell’appartamento. I prezzi medi, per una stanza singola, variano dai 250,00/350,00 Euro a persona al mese, mentre per una doppia dai 200,00/280,00 Euro a persona al mese. Le spese (riscaldamento, elettricità, acqua, gas e pulizie) possono essere incluse nell’affitto, in caso contrario vanno aggiunte all’ammontare dell’affitto.
 Le agenzie immobiliari hanno dei costi di commissione alti (ad esempio 2 mesi d’affitto che non vengono restituiti).
 Generalmente il periodo migliore per trovare un appartamento in breve tempo è settembre, mentre nel secondo semestre (gennaio, febbraio) possono esserci maggiori difficoltà.
 Alcuni consigli: è più facile trovare una casa da condividere con studenti italiani che un appartamento con diverse stanze singole/doppie per un periodo di soli 6 mesi. Potresti sfruttare questa opportunità per conoscere ragazzi italiani!

L’EDISU Piemonte offre aiuto gratuito per redigere contratti d’affitto legalmente validi e per risolvere i problemi legati ai contratti d’affitto per gli studenti non residenti.

© Politecnico di Torino - Credits